• arch. Mariella D'Amico

SAI QUAL E' IL COLORE PIÙ BRUTTO DEL MONDO?


Se lo è domandato il governo Australiano nel 2011, al fine di utilizzarlo nelle confezioni dei pacchetti di sigarette, per disincentivare il consumo del tabacco e migliorare la salute dei suoi cittadini.

A condurre la ricerca è stata l’agenzia GFK, che ha intervistato 1000 fumatori, chiedendo quale fosse il colore più brutto secondo loro.

L’inchiesta è durata tre mesi, e alla fine si è stabilito che…

“the winner is: il Pantone 448 C”: un grigio/verdone scuro, che è stato definito dai partecipanti come evocativo di “morte” e “sporcizia”.

In Australia, le aziende produttrici di sigarette, hanno fatto numerosi ricorsi per non cambiare le proprie confezioni, ma alla fine hanno dovuto arrendersi e utilizzare questo colore come sfondo, con l’aggiunta di immagini che ritraevano i danni fisici provocati dal fumo sulle persone. L'intento è quello di creare dei pacchetti che non abbiano l'attrazione visiva dei precedenti, ma che siano volutamente "brutti".

La società Pantone, non esattamente entusiasta della scelta della sua tonalità per la definizione del “COLORE PIÙ BRUTTO”, ha tenuto a precisare tramite Leatrice Eiseman, suo direttore esecutivo, che non esiste il “brutto in assoluto” e che quel tono particolare, in realtà è molto utilizzato per divani o scarpe…

E’ sicuramente anche vero che la moda crea tendenze che a volte non tengono conto delle sensazioni che determinati colori evocano sulla psiche delle persone.

Inoltre, bisogna sempre tenere presente che il colore è un FATTO CULTURALE, legato alle esperienze dell’osservatore, alle sue origini e al momento storico in cui vive. Basti semplicemente pensare al colore del lutto che nei Paesi Occidentali è associato al nero (a rappresentare lo stato di prostrazione in cui si trovano i cari del defunto), mentre in Oriente molte popolazioni indossano il bianco (che evoca invece la luce in cui è entrato il caro estinto).

Ma con buona pace dell’azienda Statunitense che ha catalogato quel particolare tono (che comunque è stata presa in considerazione perché è un RIFERIMENTO INTERNAZIONALE), la campagna sul packaging delle sigarette ha ottenuto un BEL RISULTATO, perché in quattro anni (dal 2012) ha portato 108.000 australiani (soprattutto giovani) a smettere di fumare.

Non solo: è stata ritenuta così efficace da essere stata adottata anche nel Regno Unito, in Francia e in Irlanda, Paesi tutto sommato culturalmente vicini, che nutrono lo stesso tipo di sensazione rispetto a questa tonalità.

In questo caso, davvero “la forza del colore” (color-power) è stata messa al servizio del benessere delle persone. ;)

#colorpower

#marketing #colori #colore #saluteebenessere #coloridellasalute #colordesign #felicità

  • Facebook Metallic
  • YouTube Metallic

© 2013 by colorpower